Neve nell’Italia meridionale

1 Gen 2019 - In Evidenza ,Previsioni

Apriamo il 2019 con l’aggiornamento per la prima ondata di gelo che interesserà la nostra penisola

Eccoci con la prima previsione del 2019! Finalmente il modello europeo e quello americano si sono allineati verso la medesima previsione.

Grosso modo, la perturbazione polare che entrerà in Europa dalla penisola scandinava, attraverserà l’Europa continentale fino ai Balcani, i cui stati saranno le zone più interessate da questa inversione termica.

Cosa succederà in Italia? Le zone adriatiche saranno le più esposte e in modo particolare, sarà l’Italia meridionale ad essere interessata non solo dal brusco calo termico, ma anche da neve a bassa quota (anche al livello del mare tra Abruzzo, Molise e Puglia).

L’attesa dunque sembra giunta al termine, i primi segnali di freddo sono arrivati già da poche ore, anche se la corrente di origine polare deve ancora arrivare.

Apriamo l’anno con una temperatura stagionale mite per poi ritrovarci nel pieno inverno, anche se la durata di questa corrente è ancora da valutare, infatti ce ne sono altre in arrivo (tra cui una il 7 Gennaio).

Neve in Italia?

Quest’ondata arriverà in Italia già dal 2 Gennaio in serata per poi giungere al suo culmine nella giornata del 4 Gennaio.

Roma potrà scendere sotto lo zero termico nel giorno di massimo freddo (4 Gennaio) con cielo sereno per tutta la settimana. Lievi rialzi termici attesi nel fine settimana.

Anche se le temperature sono favorevoli, le precipitazioni non lo saranno. L’inversione termica non sarà accompagnata da una bassa pressione, perciò, anche se la quota neve tra Roma e Napoli si attesta tra i 150m ed il livello del mare, non si avranno accumuli.

Situazione diversa per le coste adriatiche meridionali che invece saranno interessate da un fenomeno di condensazione con il primo impatto gelido. Pescara-Termoli-Bari saranno protagoniste di un possibile accumulo (anche di 10cm) tra il 4 ed il 5 Gennaio.

L’Appennino adriatico-meridionale sarà una zona di frontiera per l’evento nevoso in quanto nell’entroterra non avverranno precipitazioni apprezzabili.

Conclusione

Questa prima ondata gelida, interesserà le coste adriatiche ma sopratutto il meridione. La sua natura (purtroppo o per fortuna) esclude il manifestarsi di eventi nevosi consistenti.

A seguire, è attesa una seconda fase della medesima corrente, che colpirà sempre l’Adriatico per il 7 Gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici su Facebook

MeteoCapitale è un sito amatoriale sul meteo di Roma e dei Castelli Romani.

Link interni

  • cronaca
  • eventi climatici

  • progetti

  • galleria

Link esterni

Email: meteocapitale@gmail.com

Copyright 2019 - MeteoCapitale

Privacy Policy